Seminario della Commissione Globalizzazione e ambiente “Il Creato non è in vendita”

A Roma, sabato 11 marzo, un seminario della Commissione Globalizzazione e ambiente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, per riflettere su fede, giustizia e ambiente nella prospettiva dei 500 anni della Riforma protestante

0
431

Roma (NEV), 4 marzo 2017 – “Il Creato non è in vendita“. E’ questo il titolo del seminario che si terrà sabato 11 marzo a Roma per iniziativa della Commissione Globalizzazione e ambiente (GLAM) della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI). “Si tratta del nostro contributo di riflessione per il V Centenario della Riforma protestante”, spiega Antonella Visintin, coordinatrice della GLAM. Il titolo, infatti, riprende i temi proposti dalla Federazione luterana mondiale (FLM) che si articolano attorno a questi slogan: “Liberati dalla grazia di Dio: la salvezza non è in vendita; il creato non è in vendita; l’essere umano non è in vendita”.

“Se la salvezza non è in vendita – prosegue Visintin – non lo sono neanche gli esseri umani, il vivente e la Terra. Ne consegue oggi un approfondimento sulla natura delle relazioni dell’umanità con i suoi simili e con il Creato, relazioni che chiedono di essere liberate dalla condizione di merce in cui sono precipitate”. Il seminario, che si terrà dalle 9.30 alle 13 presso la sala metodista di via Firenze 38 a Roma, si aprirà con i saluti del presidente della FCEI, pastore Luca Maria Negro, e con gli interventi del presidente del Forum Fondazione Symbola, Franco Pasquali, e del responsabile relazioni culturali di Banca Etica, Riccardo Milano. E’ inoltre prevista una tavola rotonda teologica dal titolo “’La terra è mia’, dice il Signore. La creazione di Dio e l’umana compartecipazione”, a cui interverranno Eric Noffke, docente di Nuovo Testamento alla Facoltà valdese di teologia; Hanz Gutierrez, docente di teologia sistematica e sociologia della religione all’Istituto avventista di cultura biblica; Herbert Anders, pastore battista e membro della GLAM.