Più libri, più liberi. Con le riviste di cultura a 500 anni dalla Riforma di Lutero

0
187
"La Nuvola", Roma Convention Center EUR, progetto dello Studio Fuksas

Roma (NEV), 6 dicembre 2017 – Tra le numerose iniziative in agenda a “Più libri, più liberi” – la Fiera della piccola e media editoria che oggi apre i battenti presso il centro convegni La Nuvola di Roma – figura per il secondo anno consecutivo anche la Rassegna delle riviste italiane di cultura con il titolo: “Le riviste di cultura e i valori del dialogo e della coesione”.

L’iniziativa, sostenuta attraverso l’otto per mille delle chiese metodiste e valdesi, è promossa dal Coordinamento delle riviste italiane di cultura (CRIC) e, per la prima volta, vede il partenariato del Centro per il Libro e la Lettura del MIBACT.

“Scopo della Rassegna è far conoscere e far comprendere al pubblico della Fiera il prezioso contributo che le riviste italiane di cultura apportano nella costruzione della nostra società democratica e ricordare altresì quanto queste siano state fondamentali anche nel recente passato”, ha dichiarato Valdo Spini, presidente del CRIC.

Nello spazio dedicato alla Rassegna già da oggi e fino al 10 dicembre è possibile partecipare a numerosi incontri-dibattiti. Segnaliamo la tavola rotonda “La Riforma, la lettura, la cultura” in agenda sabato 9 dicembre alle 17 presso la Sala Sirio, con Valdo Spini, presidente CRIC; Bruno Forte arcivescovo di Chieti; Eugenio Bernardini, moderatore della Tavola valdese; Aud Tønnesen, storica, teologa e preside della Facoltà di teologia dell’Università di Oslo.

Il Cinquecentenario dell’affissione delle tesi di Martin Lutero a Wittenberg vuole in questo contesto essere un’occasione per riflettere sul tema della lettura di massa. E’ convinzione storiografica che la Riforma abbia incoraggiato un’alfabetizzazione di ampia parte della popolazione dell’epoca, e non solo.

Per il programma completo della Rassegna proposta dal CRIC clicca qui.