La FCEI: Open Arms ha soccorso 106 persone, tra cui 26 donne

Proseguono le operazioni in mare della nave della Ong Proactiva. A bordo due operatori del programma Mediterranean Hope della Federazione delle chiese evangeliche in Italia

0
732

Roma (NEV), 10 marzo 2018 – Proseguono le operazioni di salvataggio in mare della nave Open Arms il cui equipaggio comprende due operatori di Mediterranean Hope (MH) – Programma rifugiati e migranti della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI).

Nelle ultime ore dopo aver imbarcato tre persone tra cui un ragazzo affetto da una grave leucemia, in una seconda operazione Open Arms ha soccorso 106 persone, tra cui 26 donne e numerosi minori.

La missione continua. Il presidente della FCEI, pastore Luca Maria Negro, la pastora e consigliera referente Maria Bonafede e il professor Paolo Naso, coordinatore di MH, seguono costantemente le operazioni e, rinnovando la richiesta di vie sicure di accesso in Europa per i richiedenti asilo, invitano alla preghiera per i migranti e per quanti in queste ore operano per la loro sicurezza e per la loro vita.