Diritto alla solidarietà, dovere del soccorso

Federazione delle chiese evangeliche in Italia e Proactiva Open Arms in partenariato per attività congiunte di soccorso e salvataggio nel Mediterraneo. Presentato ieri l’accordo

0
786

Roma (NEV), 25 maggio 2018 – Si è tenuta ieri sera presso la sala metodista di via Firenze a Roma la serata pubblica di presentazione dell’accordo di partenariato tra la Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) e la ONG spagnola Proactiva Open Arms: “Il diritto alla solidarietà, il dovere del soccorso in mare dei migranti”.

La registrazione integrale della serata è disponibile sul sito di Radio Radicale.

Scopo dell’accordo, la cui firma è stata apposta in mattinata presso la sala stampa della Camera dei Deputati, il sostegno della FCEI ad attività congiunte nelle missioni di soccorso e salvataggio nel Mediterraneo.

Nel corso della serata, a cui hanno partecipato Riccardo Gatti, comandante del veliero Astral e capo missione di Open Arms, Maria Bonafede, consigliera FCEI e pastora valdese, Luigi Manconi, direttore dell’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (UNAR), Paolo Naso, coordinatore per la FCEI del programma rifugiati e migranti Mediterranean Hope (MH), è stato presentato il volume edito da Com Nuovi Tempi “Sul mare spinato” di Francesco Piobbichi, disegnatore e operatore sociale MH.

“Sul mare spinato” raccoglie gli ultimi lavori di Piobbichi, il quale scrive, racconta e disegna perché le storie dei migranti che arrivano dal mare, o che nel mare vi muoiono, non vadano perse: “Non sono un artista, non sono un attore, sono un operatore sociale” ci tiene a precisare lo stesso disegnatore, che nelle sue opere rende testimonianza di Welela, di Segen, del vento che spinge queste persone a partire e a rischiare la vita in mare. Sono disegni che rappresentano “il tramonto dell’umanità, il tramonto della Costituzione italiana, la vergogna, l’accusa a chi potrebbe fare qualcosa e non lo fa, ma anche la speranza per il futuro”.

A conclusione dell’evento sono state consegnate due targhe di riconoscimento, entrambe corredate da un versetto biblico: a Riccardo Gatti e a tutti gli equipaggi di Proactiva Open Arms “per il loro impegno per la vita e per i diritti umani”. A Luigi Manconi “per il suo costante impegno per i diritti umani e la dignità degli immigrati e dei richiedenti asilo”.