Elezioni Usa, “speranza, amore e pazienza rivoluzionaria”

La Chiesa unita di Cristo, in una nota dell'altro ieri, continua a chiedere di "resistere alla disinformazione". Nel frattempo a Biden mancherebbero solo 6 voti elettorali per raggiungere i 270 necessari per vincere

Foto di Clay Banks, unsplash

Roma (NEV), 5 novembre 2020 – “Impegnati a chiedere che ogni voto conti. Sii paziente e richiedi ai funzionari elettorali di essere precisi e accurati, senza piegarsi alle pressioni di fonti esterne”. E ancora, “Resisti alla disinformazione”. Lo chiede, nell’ultima nota pubblicata sulla sezione dedicata alle elezioni, del 3 novembre, la Chiesa unita di Cristo (UCC).

Intanto oggi, secondo quanto riporta Fox News, la campagna di Donald Trump annuncerà una causa legale per ottenere il conteggio di tutti i voti “legali” in Nevada. I collaboratori del presidente sostengono infatti che almeno 10.000 persone hanno votato nello stato, nonostante non vivano più lì. In Nevada al momento Joe Biden è dato in vantaggio su Trump con il 49,3% dei voti contro il 48,7% (con uno scarto di poco meno di 8.000 voti), quando si stima sia stato scrutinato l’85% delle schede: il democratico è a un passo dal raggiungere la soglia dei 270 grandi elettori necessari per conquistare la Casa Bianca. Mentre è ancora in corso il conteggio dei voti, disordini sono segnalati a Portland, nell’Oregon, a Denver e Minneapolis.

“La chiamata a contare ogni voto fa parte della nostra identità UCC – ha detto Sandy Sorensen, direttore dell’ufficio UCC a Washington – . Indipendentemente dal risultato, come persone di fede, dobbiamo continuare a impegnarci per costruire connessioni e comunità con una visione del mondo che sia giusto ed equo per tutti”.

Una delle poche certezze del voto, ovvero la polarizzazione e l’estrema divisione dell’elettorato, tra gli elementi segnalati anche dal protestante Luciano Kovacs in questa intervista, sembrano preoccupare le chiese.

“Trova un percorso per rimanere in relazione e alleanza con il tuo vicino repubblicano e democratico, indipendentemente dallo schieramento politico che scegli”, ha detto. “Niente potrebbe essere più americano di così. Niente potrebbe essere più cristiano di così. Niente potrebbe essere più simile a Dio di così “, ha aggiunto John Dorhauer, Ministro Generale e Presidente della Chiesa unita di Cristo.


Ultimi articoli NEV sulle elezioni Usa 2020:
Election Day, “il lavoro che ci aspetta, a prescindere dal risultato”, 3 novembre 2020
Election day, cosa può insegnare la storia valdese, 2 novembre 2020
Elezioni Usa 2020, “sceglieremo il caos o la comunità?”, 30 ottobre 2020
Usa, appello della United Church of Christ agli elettori: “Siate vigili”, 26 ottobre 2020
Usa, evangelici sempre meno dalla parte di Trump?, 12 ottobre 2020

The following two tabs change content below.