16 febbraio. Il Falò in streaming per la Festa della libertà

Il tradizionale fuoco di Pomaretto sarà acceso senza pubblico. Nonostante le restrizioni anti-covid l’amministrazione comunale ha deciso di confermarne comunque l’accensione, trasmessa in diretta, “quale testimonianza delle libertà passate, presenti e future”

Foto tratta dal sito del Comune di Pomaretto

Roma (NEV), 16 febbraio 2021 – Per chi non avesse mai partecipato a un falò della Festa della libertà, questa è la giusta occasione per farlo comodamente da casa.

La Festa della libertà è la ricorrenza che celebra la concessione dei diritti civili ai valdesi, giunta con le Lettere Patenti del 17 febbraio 1848 firmate da Carlo Alberto.

In via del tutto straordinaria, l’accensione del falò di Pomaretto (Torino) del 16 febbraio sarà trasmessa in diretta streaming.

Sulla circolare del sindaco di Pomaretto Danilo Breusa si legge: “Solamente un numero certo di persone sarà autorizzato ad essere presente per la conduzione e la sorveglianza del falò”.

L’accensione avverrà quindi senza pubblico. “Al fine di adottare le precauzioni necessarie ad escludere ogni rischio di contagio, nelle attuali norme vigenti – scrive il sindaco –, la tradizionale manifestazione legata al falò del 16 febbraio non potrà svolgersi come è consuetudine.

Ciononostante, si rende noto che l’amministrazione comunale ha deciso che il falò sarà acceso quale testimonianza delle libertà passate, presenti e future, ma solo a partire dalle ore 22. Questo per escludere ogni forma di assembramento, in quanto è previsto che da quell’ora è possibile muoversi solo per motivi di lavoro o di salute.

Considerando che non tutti riuscirebbero a vedere l’evento da casa propria, l’accensione del falò verrà trasmessa in streaming sulla pagina facebook. Apertura collegamento dalle ore 21.50. Confidiamo nella comprensione di tutti”.


I falò

Foto Elena Ribet

Tradizionalmente, i falò vengono accesi in tutte le valli valdesi e anche in alcune altre località italiane. I fuochi iniziano ad apparire dalla pianura come candele accese nel buio. Salendo lungo le strade che portano verso le montagne, diventano più nitidi e più numerosi, come piccole costellazioni nella notte. I falò ricordano il messaggio della raggiunta libertà che rimbalzò di borgata in borgata 173 anni fa. Quello di Pomaretto è noto per essere uno dei più alti delle valli, raggiungendo oltre 12 metri di altezza. Praticamente, come una casa di circa quattro piani.


17 febbraio 2021

Numerose iniziative sono previste in occasione di questa importante ricorrenza della storia valdese. Sull’agenda del NEV, un calendario delle iniziative.

Segnaliamo in particolare l’incontro promosso dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) in programma per il 17 febbraio dalle 17 alle 18:30 (su zoom). Titolo: “Cittadinanza, libertà e cura al tempo del Covid”.


La storia

Il 17 febbraio del 1848 rappresenta il primo passo verso la libertà religiosa. Il 29 marzo dello stesso anno, il provvedimento di emancipazione fu esteso agli ebrei.

Le Lettere Patenti pongono fine a discriminazioni durate secoli. Fuori dal “ghetto alpino” delle valli, i valdesi non potevano nemmeno possedere dei beni.


Vai alla Scheda

IL XVII FEBBRAIO PER I VALDESI